flagita Il gozzo Gecko è un brevetto italiano al 100%

Gecko video

ban-video

Links


Il Tirreno: Il gecko ha fatto centro

gozzo fiancataBarca da pesca ideata e prodotta a Grosseto Il Gecko ha fatto centro, è il re del salone nautico

Un bellissimo articolo apparso sul tirreno del 17/10/2009, sui successi del Gecko al Salone di Genova.


GROSSETO. Al 49ºSalone nautico internazionale di Genova una giovane impresa grossetana ha fatto boom: 3mila visitatori, 500 preventivi, 20 contratti in una settimana. Tutto questo grazie a un'imbarcazione innovativa, un gozzo planante ad assetto variabile: 7 metri e 30 di lunghezza, un motore da 40 cavalli in grado di superare i 20 nodi di velocità. Il successo del Gecko, inventato e brevettato un paio di anni fa dalla famiglia Curatolo, è tutto in queste cifre.

Successo

Le riviste specializzate, nei numeri di ottobre e novembre, dedicano ampio spazio alla Know How Service srl, sede in via Rubino a Grosseto. Qui nasce il famoso gozzogecko, «la barca che non c'era», titola la rivista Forza Sette. Capita così che la sorpresa del Salone Nautico 2009, la vetrina più importante d'Europa per gli operatori e gli appassionati della nautica e del mare, tra 1450 espositori e 2400 imbarcazioni in mostra, arrivi dalla Maremma.

La storia

Ma chi c'è dietro la Know How Service srl, chi sono gli ideatori del gozzogecko? Quella dei Curatolo è una storia che merita di essere raccontata a parte: pioniere nell'uso della vetroresina, Enrico Curatolo, il capofamiglia, è stato un imprenditore di successo dagli anni Sessanta ai primi anni Ottanta, in provincia di Brescia. Tra i suoi clienti la Ferrari e Giugiaro. Poi la scelta di vita: mollare tutto per fare l'agricoltore in Maremma con la moglie e i figli, per dedicarsi alla campagna e all'hobby della pesca.

Talento

Ed è proprio in mare che il talento dei Curatolo vira di nuovo, dopo 20 anni, in una direzione industriale. Appassionati di pesca, Enrico e il figlio Massimo - come gli è capitato spesso di raccontare a Genova - non vogliono rassegnarsi all'idea di condurre un gozzo dislocante ma lento o - in alternativa - una barca più veloce ma instabile alla posta e con costi improponibili di carburante. «Il primo Gecko - conferma Massimo Curatolo - è stato concepito partendo da queste considerazioni. Il mercato non proponeva nulla e le nostre esigenze ci rendevamo conto che erano condivise».

Trucchi

Il Gecko contiene due barche in una. Ha spunti oltre i 20 nodi ma bassi consumi (grazie al fuoribordo); è stabile e dislocante al tempo stesso. Pesa 650 chili ma è inaffondabile e non si impenna. Non solo. La barca è carrellabile con la sola patente B. Tutto grazie ad una serie di accorgimenti tecnici (una V di prua molto pronunciata che garantisce manovrabilità e due flap che si sviluppano verso poppa), il materiale leggero, un assetto idrodinamico variabile; tutti elementi che i Curatolo hanno ideato e testato personalmente a Castiglione della Pescaia. Oggi il Gecko è possibile trovarlo in più versioni. L'SX costa 23 mila euro. Rispetto alla prima versione ha il fuoribordo protetto da un portellone che lo insonorizza.

Gabriele Baldanzi

logokhs-110  Via Rubino, 67  Grosseto (GR)
Tel. 0564 453077 - Fax: 0564 464899
email
Vai alla pagina con tutti i contatti
Responsabile vendite: Massimo Curatolo 335 6611447 email